Al giorno d’oggi sono sempre di più le ricerche di case in affitto e in vendita in tutte le città italiane. Sebbene i prezzi siano in crescita, il mercato non si raffredda e molte persone sono in attesa di cambiare sistemazione. Occorre quindi sapere come si organizza un trasloco e quali sono i consigli migliori per riuscirci senza stress.

Usare gli alveolari per piatti e bicchieri

Gli oggetti fragili che si possono rovinare o rompere completamente durante le operazioni di trasloco, andrebbero organizzati in scatolo con gli alveolari. In sostanza, gli scatoloni per i traslochi andrebbero organizzati al loro interno con interfalde in cartone. Sono preziosi per separare gli oggetti più fragili, come quelli realizzati in vetro, cristallo, porcellana e simile.

In pochi lo sanno ma si possono proteggere gli oggetti fragili in modo migliore se messi  nel senso dell’altezza piuttosto che in orizzontale. Bicchieri e piatti vanno messi in verticale e non sdraiati uno sopra l’altro. Si tratta di un piccolo trucco che solo gli esperti dei traslochi conoscono.

Proteggere i mobili con fodere

I mobili e gli arredi che vanno portati presso la nuova sistemazione, vanno protetti in modo adeguato. Tantissime persone durante il trasloco tendono a sottovalutare questo aspetto, ritrovandosi poi però con mobili con difetti come graffi, botte e simili. Se desideri avere ulteriori approfondimenti, vai su www.traslocoufficioroma.it

Prima di spostare un arredo, va quindi protetto ponendo particolare attenzione agli angoli che vanno rinforzati con del cartone., per il resto, occorre usare fodere di plastica che hanno anche il vantaggio di proteggere da eventuale pioggia o polvere. Il tutto diventa ancora più importante in caso di deposito dei mobili.

Non sottovalutare la mole di oggetti da spostare

Sottovalutare il volume degli oggetti da spostare è un errore che molti commettono quando arriva il momento di organizzare un trasloco. Spesso accade di non riuscire a spostare tutto nei tempi previsti perché ci sono troppi oggetti. Le stime in merito alle tempistiche vanno quindi fatte in base al volume degli oggetti, tenendo presente che occorre prevedere un po’ di margine.

Di Editore