Catarro nei bambini: perché si forma e che cosa fare

È una situazione frequente che i bambini abbiano espettorato. Volgarmente si parla di catarro e vediamo di caprie meglio perché si forma e come agire.

Perché si forma il catarro

Il catarro è una produzione delle mucose dell’apparato respiratorio quando ci sono infiammazioni, batteri, virus, allergeni. Nei bambini il catarro può apparire anche per colpa di aria molto inquinata o fumo passivo, tutte sostanze irritanti per le mucose polmonari. Il catarro è viscoso e ha il compito di espellere i batteri presenti nell’apparato respiratorio. È un prodotto del tutto naturale che il corpo produce come protezione per bloccare i batteri e i virus.

In base a quanto detto prima. un po’ di catarro è normale, il problema si presenta quando la quantità di catarro è elevata e la produzione prolungata nel tempo. In questo caso, è meglio andare dal pediatra Roma che ascolterà il respiro del bambino come primissima cosa. infatti, con una produzione eccessiva, il respiro diventa rumoroso, soprattutto di notte, e il bambino non riesce a dormire per il continuo tossire ed espettorato. È la classica tosse grassa: con un colpo di tosse, il bambino espelle il catarro che blocca e contiene gli agenti irritanti.

Che cosa fare

Non occorre allarmarsi se il bambino ha tosse e catarro da qualche giorno poiché è una risposta immunitaria normale del corpo. i genitori possono fare diverse cose: idratare il bambino facendolo bere molto. Le bevande calde con l’aggiunta di miele sono un rimedio della nonna sempre valido e consigliato, a patto di non aver problemi per vai dello zucchero e lavare sempre i dentini dopo l’assunzione. Anche i lavaggi nasali possono esser di grande aiuto nel respirare meglio. Si può usare della semplice soluzione fisiologica o della salina per disostruire i canali nasali.

Un ambiente ideale sarebbe con temperatura di 20 ° e 60% di umidità. Se è troppo secco, la tosse e il catarro possono intensificarsi. Se dovesse apparire febbre e la tosse non passasse più è meglio andare dal pediatra Roma per un consulto.